Un viaggio tra parole, musiche, immagini dedicati al magico 1969

Sabato 30 novembre al teatro san secondo

di Ermanno Eandi

Il 1969, un anno di svolta che ha segnato un epoca e, a cinquant’anni di distanza, è ancora più presente che mai.

Con il piede giusto era sceso dalla scaletta Amstrong per il grande balzo dell’umanità, con il piede giusto marciavano i movimenti studenteschi in piazze di speranze e tumulti, con il piede giusto il meglio del Rock ruggiva ed estasiava il mondo a Woodstok, col piede del dolore un uomo si incendiava Praga davanti ad un carro armato russo, con il piede dell’addio su un tetto a Londra quattro giovani di Liverpool suonavano per l’ultima volta insieme.

Questo è solo un piccolo frammento di un anno favoloso che rivivrà in parole e musica nello spettacolo “Il piede giustosabato 30 novembre al teatro san secondo ingresso da Via Gioberti 7/A, alle ore 21. Ingresso ad offerta libera, il ricavato per la clinica della memoria della fondazione per la ricerca sull’alzheimer di don Mario Foradini.

Lo spettacolo nasce come per magia tra due amici: uno un celeberrimo scrittore Massimo Tallone e l’altro Roberto Rorato il batterista della storica band “Dillo tu prima”,  i ricordi si intersecano e lentamente scaturisce l’idea di creare uno spettacolo dedicato a quel memorabile anno.

Un evento imperdibile e bellissimo con tanta musica e pregiate parole che vedrà sul palco Massimo Tallone come autore dei testi ed io narrante, i “Dillo tu prima”  la band che delizierà le orecchie dei presenti con un raffinato percorso musicale, la Compagnia teatrale “Da tre a cinque” darà forma alla musica. Fondamentale la scenografia di Elena Perosino, indispensabile l’ausilio del tecnico del suono Fabrizio Argiolas mentre il service è stato gentilmente fornito da microserviceaudio.

Una serata importante dove spettacolo e solidarietà si fondono, in un momento magico dedicato ad un anno irripetibile.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *