Intervista al presidente Alfredo Orto sul futuro della via

Di Ermanno Eandi

Via San Secondo è il cuore commerciale del borgo, una via che profuma di commercio e gioia, per conoscerla meglio incontriamo Alfredo Orto, il presidente dell’Associazione Commercianti della via.

Sono una persona schietta, sincera e diretta – si definisce Orto –  quindi o mi ami, o mi odi.

Che privilegi e che oneri le dà essere il presidente?

“Mi piace essere al centro dell’attenzione, non lo nego, e grazie a questa carica lo sono.  Come oneri ho solo costi, sia come tempo che come denaro”.

A vederla Via San Secondo sembra un isola felice, è proprio così?

Nonostante il periodo non facile, ci sono aperture di nuovi negozi, però i centri commerciale e la vendita on line hanno penalizzato molto il piccolo commerciante, si salvano i piccoli artigiani o le attività storiche che hanno un prodotto di nicchia e danno un servizio che la  grande distribuzione non può dare

Cosa manca in Via San Secondo?

Mancano delle grandi firme, il negozio che fa da richiamo anche a chi non abita nel borgo.

Cosa si può fare per attirare queste attività prestigiose?

Bisogna rendere appetibile la Via.

Sotto quale aspetto?

Ovviamente il passeggio, cosa che non potremo mai avere per via dei marciapiedi strettissimi e di conseguenza la carenza di un forte passaggio, inoltre c’è poco parcheggio.

Quindi, con queste premesse è inutile cercare le grandi firme…

Certo…perché sono loro a scegliere te e non viceversa. Però alcune eccellenze le abbiamo: due fra tutte  il Colorificio Morano e la Pasticceria Uva, che hanno clienti da ogni parte di Torino. La via comunque ha bisogno di più attenzione da parte della pubblica amministrazione.

Cosa chiederebbe al Comune di Torino per migliora e rendere più appetibile la Via?

Marciapiedi nuovi e più larghi e attrezzati per i disabili

Mi scusi presidente, ma per allargare i marciapiedi devo togliere le auto?

Sì, è vero.  Anche se è difficile realizzarlo.

Il suo pensiero sulla duplice possibilità di parcheggio?

Era un tentativo efficacie per eliminare la doppia fila, però non è stato un bene per il commercio. Un po’ è anche colpa dei commercianti e dei residenti che abusano del parcheggio sul lato destro, perché invece di lasciare l’auto per mezzora, la lasciano tutto il giorno.

Dopo questi problemi, cosa c’è di bello in Via San Secondo?

Le botteghe sotto casa a gestione famigliare, sono realtà commerciali carine che ti coccolano con gentilezza e garbo, inoltre c’è di tutto nell’arco di pochi metri e se non hai esigenze particolari non devi mai usare l’auto, in più è una via tranquilla e sicura.

Qual è la gioia più grande che le ha dato la sua carica?

Quella di creare, nonostante mille difficoltà, delle riuscite e belle feste della Via. Oltre alle feste in quanto tale, la realizzazione delle luci natalizie e quando in quei momenti vedo i bambini felici, il mio cuore si riempie di gioia…sono un romantico

Quando ci sarà la prossima festa di Via?

Prestissimo, la faremo il 6 ottobre, il tema sarà la magia e aspettiamo con gioia tanti amici che verranno trovarci.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *